News

Remote Simultaneous Interpreting: la mediazione linguistica si fa digital

Esistono da molti anni applicazioni che permettono di comunicare virtualmente, sia in forma audio che video. Allo stesso tempo, il Covid-19 ha dato una spinta significativa al lavoro da remoto: negli ultimi anni conferenze, seminari e riunioni aziendali di vario genere sono state svolte in videochiamata o in videoconferenza, sfruttando l’online. 

Parallelamente, sono stati migliorati gli strumenti di comunicazione digitale a distanza, anche a supporto dei mediatori linguistici. Una vera rivoluzione che ha permesso una maggiore accessibilità ad incarichi prima possibili solo in presenza, come le interpretazioni simultanee.

Vediamo cos’è l’interpretazione simultanea remota (Remote Simultaneous Interpretation), come funziona e quali sono le differenze con l’interpretazione simultanea tradizionale.

Cos’è il Remote Simultaneous Interpreting (RSI)

L’interpretazione simultanea da remoto, anche chiamata Distance Simultaneous Interpreting (DS, interpretazione simultanea a distanza o telematica), è un nuovo modo di intendere l’interpretariato sfruttando strumenti tecnologici.

Il Remote Simultaneous Interpreting (RSI) è un servizio che consente a mediatori linguistici e interpreti di offrire soluzioni linguistiche da ogni parte del mondo.

Durante i seminari o le conferenze aziendali non è più richiesta la presenza fisica del professionista, che offrirà i suoi servizi da remoto (in ufficio, in studio o a casa propria).

Gli interpreti, in genere, sfruttano una piattaforma dedicata per vedere e ascoltare i discorsi durante gli eventi, grazie al quale svolgono un’interpretazione simultanea che arriva in tempo reale al pubblico.

Come funziona l’RSI: differenze dall’interpretazione simultanea

L’RSI è una forma più smart di simultaneous interpreting (SI) ma ha alcuni tratti differenti.

Per simultaneous interpretation si intende una trasformazione istantanea di un dialogo, un discorso o un intervento da una lingua parlata ad un’altra. Il compito degli interpreti simultanei è quello di ascoltare le parole e tradurle immediatamente in un’altra lingua, mentre si ascolta la frase successiva.

Durante una interpretazione simultanea tradizionale l’interprete è fisicamente presente all’evento.

In genere, gli interpreti si posizionano in cabine insonorizzate che si trovano su retro della sala conferenze e forniscono la traduzione simultanea grazie a console audio collegate a sistemi di public address (PA). I partecipanti, invece, utilizzano dei ricevitori wireless tramite i quali possono scegliere la lingua preferita e ascoltare.

Nel caso dell’RSI, invece, l’intero processo di interpretazione di una conferenza avviene da remoto: gli interpreti si collegano virtualmente grazie ad una piattaforma basata sul cloud RSI da cui ricevono video e audio in diretta dell’evento.

I partecipanti possono ascoltare la traduzione collegandosi alla stessa piattaforma o tramite un’app scaricata su un dispositivo (PC portatile, smartphone, tablet ecc.), senza essere fisicamente presenti all’evento.

Interpretazione simultanea remota: Pro e contro

Esistono vantaggi e svantaggi dell’interpretazione simultanea a distanza.

Il primo lato positivo è l’abbattimento dei costi. In genere, per ogni evento vengono assunti almeno due interpreti che si alternano ogni 20-30 minuti, per mantenere alta l’attenzione.

Per ogni incarico di interpretazione simultanea tradizionale vanno aggiunti al budget:

  • Noleggio di apparecchiature e attrezzature
  • Costi per la trasferta degli interpreti fuori sede (soggiorno, viaggio, tasse, ecc.)
  • Compenso per singolo interprete.

Con l’utilizzo dell’RSI, tali spese non dovranno essere sostenute.

Altri pro sono:

  • Scelta del professionista migliore, senza vincoli geografici
  • Partecipazione da remoto per pubblico e relatori
  • Numero superiore di partecipanti
  • Migliore accessibilità all’evento.

I contro sono:

  • Rischio di problemi tecnici (problemi alla connessione internet, ai dispositivi, alle piattaforme, ecc.)
  • Qualità audio meno affidabile
  • Nessuna interazione di persona
  • Minore sicurezza dei dati sui sistemi cloud.

Le nuove possibilità offerte dalla tecnologia fanno aumentare le opportunità di impiego ed esercizio degli interpreti, che abbattono i limiti della presenza fisica ed esercitano anche in forma digitale.

Vorresti diventare interprete? Frequentando il Corso di Laurea triennale in Scienze della Mediazione Linguistica presso Istituto di Alti Studi SSML Carlo Bo potrai acquisire tutte le competenze necessarie per iniziare il tuo percorso professionale nel settore dell’interpretariato.

Cosa aspetti? Contattaci subito per prendere un appuntamento telefonico senza impegno e saperne di più!

21 Giugno 2022
News Recenti
  • Iscriviti alla nostra newsletter
    e scopri il mondo della Carlo Bo.

© Copyright 2002- Istituto di Alti Studi SSML Carlo Bo - P.IVA 03646790158 | C.F. 80073370159