Storia e Missione

SSML Carlo Bo Istituto Storia e Missione

La Fondazione Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori è nata nel 1951 a Milano come Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori (SSIT), grazie all’intuizione di Silvio Federico Baridon e Carlo Bo che intravidero nell’insegnamento delle lingue straniere lo strumento attraverso il quale l’Italia poteva entrare in contatto con il resto del mondo.

La Fondazione si articola in tre dipartimenti: Dipartimento Mediazione Linguistica, Dipartimento Formazione Superiore Continua e Dipartimento Organizzazione, Ricerca, Innovazione e Sviluppo.

L’espansione in Italia è iniziata nel 1953, con l’apertura di una nuova sede a Roma, a cui è seguita, nel tempo, l’inaugurazione delle sedi di Firenze, Bologna, Napoli, Bari e Genova. Nel 1955 l’allora SSIT ha consolidato il proprio assetto ed ha assunto la struttura istituzionale di Fondazione e nel 1958 è stata eretta in Ente Morale.

Nel 1968 ha promosso e realizzato la fondazione di un Istituto Universitario che, partendo dalla base fondamentale delle lingue straniere, è diventato negli anni la Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM.

Grazie all’attività della SSIT, l’insegnamento delle lingue straniere oggi non è più considerato complementare, ma rappresenta un vero e proprio valore aggiunto che contribuisce alla formazione dell’individuo e gli permette di vivere e lavorare in un mondo che, nel terzo millennio, si è trasformato in un sistema globale, all’interno del quale non esistono più confini o distanze insuperabili.

Oggi la Fondazione esplica la propria attività nell’ambito della Mediazione Linguistica attraverso l’apposito Dipartimento, diventato l’Istituto di Alti Studi SSML Carlo Bo.

Share This