News

Come funziona l’Erasmus e come partecipare

Il progetto Erasmus per studenti è uno dei programmi promossi e finanziati dall’Unione Europea che consente a studenti universitari di trascorrere un periodo di studio in Paesi Europei o extra-europei che aderiscono al programma.

Vediamo come funziona l’Erasmus, quali sono i requisiti per partecipare e i programmi messi a disposizione per gli studenti universitari secondo il Bando Europeo.

Cos’è l’Erasmus

L’Erasmus Charter for Higher Education (ECHE) rientra nel programma per la mobilità giovanile all’estero, denominata Erasmus+ (o Erasmus plus), che ha validità per il periodo 2021-2027 ed è entrato in vigore a marzo 2021.

Si tratta di un programma che offre agli studenti universitari la possibilità di studiare o svolgere un tirocinio all’estero, grazie ad un contributo finanziario per sostenere i costi di permanenza nel Paese straniero.

Lo studente, grazie alla borsa di studio Erasmus, studierà all’estero in un’università convenzionata e gli verranno riconosciuti e convalidati tutti i crediti relativi alle attività svolte con profitto.

Progetto Erasmus: come funziona

Per gli studenti universitari, sono previsti due tipi di Mobilità studenti:

  • Erasmus+ Study: l’università offre la possibilità di svolgere un periodo di studio all’estero, sottoscrivendo un programma di formazione generale in cui saranno indicate le attività formative da svolgere all’estero. Le attività da svolgere nell’università ospitante devono corrispondere agli insegnamenti già presenti nel piano di studi dell’università di partenza. Durante questo periodo è possibile frequentare corsi, sostenere esami, ma anche preparare la tesi o svolgere attività di ricerca.
  • Erasmus+ Traineeship: l’università offre la possibilità di svolgere tirocini all’estero usando una borsa di studio, che varia in base al Paese di destinazione scelto. Una volta terminato il tirocinio, riceverà un riconoscimento accademico e tutti i crediti saranno convalidati e registrati nel piano carriera. Il tirocinio formativo può essere svolto presso istituzioni, centri di formazione e di ricerca o imprese che aderiscono al programma.

Le due opzioni possono anche essere combinate, svolgendo un periodo di studio e uno stage durante lo stesso soggiorno in un’università estera.

L’Erasmus è un’ottima opportunità, ma le borse di mobilità sono limitate. Di conseguenza, ogni università si riserva la scelta dei candidati più meritevoli in base a criteri come:

  • Numero di crediti formativi conseguiti
  • Media di voti
  • Livello di lingua inglese adeguato

Gli studenti più meritevoli per la media dei voti e per il numero di crediti avranno la precedenza nell’assegnazione della borsa e nella scelta dell’università in cui studiare.

Durante il periodo trascorso all’estero, ogni studente deve conseguire un numero minimo di crediti, che vedrà riconosciuti al suo rientro. Se lo studente non rispetta questa condizione, dovrà restituire l’intero importo della borsa.

La borsa di mobilità Erasmus garantirà allo studente un contributo mensile, che varia in base al periodo e al paese di destinazione, da utilizzare per coprire le spese di vitto e alloggio nello stato estero.

Anche il periodo di studio all’estero è variabile, ma non può essere inferiore ai 3 mesi e superare i 12 mesi.

Erasmus: come partecipare

Per partecipare al programma Erasmus plus, lo studente dovrà rispettare i seguenti requisiti:

  • Essere regolarmente iscritto ad un corso di laurea triennale, magistrale o ad un dottorato di ricerca
  • Essere cittadino dell’Unione Europea
  • Avere un livello di conoscenza della lingua inglese e della lingua del paese ospitante adeguata.

Ogni studente dovrà compilare la candidatura al programma Erasmus+, scegliere due fra le tante destinazioni appartenenti all’area linguistica studiata e consultare la graduatoria di assegnazione della destinazione.

Per inviare la domanda di partecipazione, lo studente dovrà sviluppare il Learning Agreement, un documento che riassume il piano di studio da svolgere all’estero, che certifica il riconoscimento in Italia degli esami da svolgere in Erasmus.

Gli esami scelti dovranno sostituire quelli dell’università di appartenenza: nel documento dovranno essere specificati gli esami da sostituire con quelli dell’università ospitante con relativo numero di CFU.

Al termine del periodo all’estero, l’università ospitante rilascerà allo studente un documento che certifica gli esami sostenuti, i crediti formativi e i voti ottenuti, denominato Trascript of Records (ToR).

Perché partecipare al programma Erasmus plus?

L’Erasmus è un’ottima opportunità per mettersi alla prova e fare nuove esperienze all’estero. Il supporto dell’Unione Europea incentiva i giovani a perfezionare le proprie abilità linguistiche e comunicative, inserendo lo studente in un contesto nuovo e internazionale.

Per un futuro mediatore linguistico l’Erasmus è un’occasione di crescita, perché consente allo studente di migliorare le proprie competenze linguistiche ma anche di interfacciarsi con la cultura, gli usi e costumi del Paese in cui vive. Ti piacerebbe partecipare al programma Erasmus+? Affidati all’offerta formativa dell’Istituto di Alti Studi SSML Carlo Bo. Scopri di più sul corso di Laurea Triennale in Scienze della Mediazione Linguistica e sul Progetto Erasmus+ per vivere la tua esperienza universitaria all’estero.

8 Giugno 2022
News Recenti
  • Iscriviti alla nostra newsletter
    e scopri il mondo della Carlo Bo.

© Copyright 2002- Istituto di Alti Studi SSML Carlo Bo - P.IVA 03646790158 | C.F. 80073370159