News


Il festival delle drammaturgie Tramedautore, in scena a Milano dal 13 al 24 settembre. Un’edizione rinnovata, con Benedetto Sicca alla direzione artistica, e che ha coinvolto gli studenti della SSML Carlo Bo di Milano nella traduzione dei sovratitoli e nell’adattamento dei testi di tre opere straniere. A Tramedautore si è parlato dei valori dell’Europa e delle vite dei cittadini, con la capacità di fotografare le situazioni e gli stati d’animo di ciascuno di noi, le paure e le fragilità, di cui, forse, non abbiamo ancora coscienza.

Il festival

Anche l’edizione 2017, curata dal Centro Nazionale di Drammaturgia Contemporanea Outis, è da sempre di respiro internazionale e dà la possibilità allo spettatore di misurarsi con linguaggi e culture diverse. Il programma 2017 ha portato porta in scena spettacoli provenienti dall’Italia, dal Belgio, dalla Gran Bretagna, dalla Svezia e dall’Olanda. 11 spettacoli, 5 performance di strada, 9 nel Chiostro del Piccolo Teatro Grassi, 6 concerti, 2 film e video, 4 residenze, 1 giornata di studi. Un’esperienza unica che ha permesso agli studenti SSML Carlo Bo di mettere in pratica le conoscenze linguistiche acquisite ed entrare in contatto con professionisti internazionali. Gli spettacoli a cui gli studenti hanno collaborato hanno avuto luogo al Piccolo Teatro Studio Melato e al Piccolo Teatro Grassi tra il 15 e il 19 settembre: 99 Words for Void, Physics and Phantasma di Iggy Lond Malmborg e Maike Lond Malmborg e Looking for Paul di e con Wunderbaum.

Gli studenti della SSML Carlo Bo

Giada Achino, Carmen Alemanno, Manuela Conti, Felicia Da Silva Chuna, Beatrice Faggio, Silvia Lodato, Melanie Magri, Melissa Papavero, Chiara Pessina, Elisa Prada, Andrea Velicogna e Laura Villa, della SSML Carlo Bo di Milano, sono i giovani mediatori linguistici che hanno esplorato le tante sfaccettature linguistiche delle opere in scena, sapendo affrontare anche le sfide che il testo teatrale presenta. Una collaborazione, quella tra gli studenti SSML Carlo Bo e Tramedaturore, possibile grazie al progetto di formazione TTS-Trame Temporary School– promosso da OUTIS con Ludwig – Officina di linguaggi contemporanei, il Centro Teatrale Santacristina, il DAMS di Torino, l’Università degli Studi di Milano, mare culturale urbano, BASE Milano e Zona K. Gli studenti sono stati seguiti da Alessandra Vinanti e coordinati dal docente Sergio Gonzalez della SSML Carlo Bo per la parte di traduzione e adattamento.

La figura del mediatore linguistico a tutto tondo

Oltre al testo, il confronto con gli artisti, per tutta la durata del festival, ha permesso agli studenti di partecipare sia come spettatori, sia come collaboratori, agevolando la comunicazione negli incontri tra il pubblico e gli artisti stranieri.

Ti potrebbe interessare anche

Share This