News

Interprete di conferenza: cosa fa e come intraprendere la professione

Durante conferenze, seminari ed eventi internazionali è sempre più richiesta la figura dell’interprete di conferenza, un professionista che si occupa, tra le varie forme di interpretariato, di tradurre simultaneamente ciò che dice l’oratore in un’altra lingua, per permettere a tutti i presenti in sala di seguire il discorso.

Scopriamo di cosa si occupa l’interprete di conferenza, quali sono i requisiti per intraprendere la professione e quanto guadagna in media questa figura professionale.

Chi è l’interprete di conferenza

L’interprete di conferenza è un professionista in campo linguistico che si occupa di tradurre testi orali da una lingua ad un’altra. È un interprete impiegato principalmente in occasioni in cui bisogna tenere discorsi a una platea plurilinguista, infatti in genere lavora per:

  • Organizzazioni internazionali
  • Tribunali e autorità
  • Federazioni e associazioni
  • Governi
  • Aziende, multinazionali e conglomerati aziendali.

Per il mondo aziendale, in particolare, l’interprete è coinvolto nell’organizzazione di MICE (meetings, incentives, conferences, exhibitions), ossia le occasioniin cui aziende e professionisti si incontrano per farsi pubblicità, creare una rete o scambiare competenze tramite esposizioni, riunioni, conferenze o premi.

Gli interpreti di conferenza sono in genere dei liberi professionisti, ma possono essere anche assunti come dipendenti da organizzazioni internazionali o ministeri che hanno bisogno di disporre delle loro competenze in maniera continuativa.

Interprete di conferenza: compiti e responsabilità

Per descrivere il lavoro di un interprete di conferenza è importante ricordare che esistono due modalità di interpretariato durante un evento pubblico:

  • Consecutivo: in queste occasioni, l’interprete è posizionato sul palco, vicino all’oratore, o nelle prossimità del gruppo di persone che parlano la lingua di destinazione. Per consentire una corretta interpretazione, l’oratore si fermerà dopo aver pronunciato alcune frasi e lascerà la parola all’interprete, che ripeterà quanto detto in un’altra lingua. Il discorso, quindi, continuerà con questa modalità.
  • Simultaneo: in questo caso, l’interpretazione avverrà in tempo reale. L’interprete tradurrà il contenuto del discorso mentre questo viene pronunciato. Per questo motivo, in genere l’interprete è posizionato in una cabina attrezzata con delle cuffie e un microfono, trasmettendo il discorso tradotto a tutti i presenti in sala, che indosseranno a loro volta delle cuffie. 

Per lavorare come interprete di conferenza è necessario viaggiare molto. In genere, infatti, è necessario spostarsi nel luogo in cui si terrà la riunione, la conferenza, la trattativa commerciale, la premiazione, il colloquio tra istituzioni o l’udienza in tribunale. Molti interpreti preferiscono specializzarsi in un settore, ma si può lavorare anche in differenti ambiti contemporaneamente

Un altro elemento fondamentale è la conoscenza approfondita di una o più lingue straniere. Oltre alla padronanza del vocabolario, incluse le espressioni gergali e dialettali, è importante conoscere la storia, la cultura, i costumi e le tradizioni dei parlanti, per trasmettere al meglio i concetti discussi.

Nelle competenze personali di un interprete di conferenza ricadono:

  • l’esercizio di una voce chiara, sicura e piacevole all’ascolto
  • una ottima cultura generale, per poter lavorare in vari settori
  • la velocità nel processo traduttivo
  • una buona memoria a breve e lungo termine
  • un’ottima capacità di concentrazione
  • capacità di analisi e di sintesi
  • una elevata resistenza allo stress
  • flessibilità e disponibilità a viaggiare spesso
  • empatia con l’oratore e con le persone che ascoltano.

Come intraprendere la professione: studi e requisiti

I requisiti per intraprendere la professione sono:

  • Laurea in mediazione linguistica
  • Laurea magistrale in Interpretariato e Traduzione
  • Conoscenza approfondita della lingua straniera e della cultura del luogo
  • Conoscenza avanzata delle tecniche di interpretazione simultanea e consecutiva
  • Conoscenza delle attività delle organizzazioni internazionali e loro funzionamento
  • Capacità di parlare in pubblico
  • Formazione vocale
  • Conoscenza delle teorie della traduzione
  • Capacità di organizzare riunioni e padroneggiare la terminologia specifica.

Il primo passo per diventare un interprete di conferenza, quindi, è conseguire un titolo di studi professionalizzante in lingue straniere.

Seguire un percorso triennale specializzante come quello in Scienze della Mediazione Linguistica della SSML Carlo Bo, dà la possibilità di acquisire tutte le competenze teoriche e pratiche che un’interprete di conferenza deve padroneggiare per entrare nel mondo del lavoro.

Il corso di studi della SSML Carlo Bo offre una conoscenza approfondita delle lingue straniere, accompagnata dallo studio della cultura e dei costumi del Paese di riferimento e da oltre 720 ore di laboratorio pratico.

Lo stipendio di un interprete di conferenza

Lo stipendio di un interprete di conferenza può variare in base a numerosi fattori, a partire dal livello di esperienza accumulata fino al tipo di incarico che ricopre. Secondo i portali specializzati sulle tematiche del lavoro come Jobbydoo e Circuitolavoro, le retribuzioni per i lavoratori freelance sono variabili e possono aggirarsi intorno ai 300-400€ per ogni giornata lavorativa, incluse quelle di preparazione all’evento. Lo stipendio per un interprete di conferenza dipendente, invece, si aggira tra i 1450€ e i 3600€ al mese.

Scopri di più sul percorso di studi alla SSML Carlo Bo! Contattaci o iscriviti agli Open Day per iniziare la tua carriera da interprete di conferenza.

24 Novembre 2022
News Recenti

LeadForm

Form di raccolta lead
  • Entra nel mondo senza confini della Carlo Bo

  • Compila il form per ricevere informazioni o iscriverti direttamente ad uno dei nostri corsi
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
  • Iscriviti alla nostra newsletter
    e scopri il mondo della Carlo Bo.

© Copyright 2002- Istituto di Alti Studi SSML Carlo Bo - P.IVA 03646790158 | C.F. 80073370159 - Versione 1.1.0